Acrostico n.6

I cambiamenti nel modo di pensare,
né lui suonava il flauto che ha portato per giocare,
fermata col bus da prendere per il mare,
i miei echi vocali quando mi vergogno di parlare.

Nel modo in cui camminiamo,
i capelli nero secolare,
te l’ho detto dell’albero sul fondo del mare,
o devono paralizzare le fiamme aria e saltare.

A volte si può schiacciare,
ma dobbiamo aspettare,
o ancestrale strappo dell’ormeggio a mare,
regolare significa scontentare.

 

Infinito Amor

img_2065

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...