Prego si accomodi

Entro e vedo colori e figure sul soffitto,
Da questa stanza quadrata che mi dici che simboleggia la sala d’attesa;
Dove potremo conoscere il futuro tra paradiso e inferno.
C’è una poltrona sfondata, che ricorda una Vuitton,
ma sto contemplando questo fuoco da due ore,
Cosa dici che contiene la sfera?
Un punto rosso nel mezzo di un panno asciutto;
E noto lentamente come far crescere e perdere la pazienza dentro di me.
Poi arriva la parte delicata, le anime.
Pezzi di metallo pronti da lanciare.
E ora dovrei andarmene
La mente al servizio
Del tuo modo di dirmelo
Che non c’è nessuno che ti capisca.
Continuo a provare.
Per non cadere in questo
attacco nervoso.
Mistero fantastico, fenomeno innaturale
Sei arte moderna.E dimmi cosa significa per te
questo modo di buttarti sul pavimento,
Di muovere i piedi,
Del sopportare uno spettacolo all’indietro
Di non farmi capire nulla.

Di perdere il conto dei tempi
Che mi sono morso il carattere.
Pensare che non sarebbe successo nulla,
Che tutto sarebbe finito in un lieto fine;
Con fiori e applausi stanchi di ridere.
“Congratulazioni, grazie per essere venuto,

prego, si accomodi pure”.

Prego, non mi è costato poi così tanto.
52dec81c-0a14-4e55-9def-0ac33cdde004

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...