Giuni, l’Amazzone

 

Come un harmonizer mediorientale, la tua voce,

il vento nei capelli, cui affidavi i tuoi pensieri e le tue parole zitte

parole ripetute dall’eco, che cantano sorriso ed allegria

Solo cielo, intorno vedo solo cielo,

e vento contro le ringhiere.

 

Hai lasciato una nebbia,

come una canzone rituale di un popolo lontano,

nel già desertico vuoto dell’arte del canto moderno.

 

La nebbia dopo la tempesta di energie, di lampi e di voce tagliente

che ha sussurrato, gridato e cullato il nostro inconscio,

un disperato richiamo all’amore, alla dolcezza.

 

Una pianta di limone vive su di un balcone

in una afosa estate di un paese siciliano lontano, immobile,

le tue mani la accarezzano mentre dentro il sole la brucia,

lei produce tutti i suoi frutti più succulenti,

e poi appassisce silenziosa, senza acqua, nel gelo della disgrazia umana della morte,

vissuta con dignità e con la preghiera carmelitana come luce nel cuore.

 

Grazie Giuni, sei un’amazzone selvaggia che ha cavalcato ribelle, al confine

ma sei stata anche seduta al porto a guardare il mare,

a seguire da dentro i nostri pensieri, per finalmente volare assieme.

 

Schermata 2020-04-30 alle 01.19.21

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...