Il Sincericidio e il Sinceride.

Sincericidio, cosa significa questa parola che viene usata così tanto ora?

Oscar Wilde l’ha già detto: che un po’ di sincerità è qualcosa di pericoloso; troppa sincerità, è assolutamente fatale.

Esiste la parola sincericidio? Linguisticamente è un termine che non è riconosciuto, e quindi inizio male. Mi appoggerò a una parola che non esiste. Mi scuso con i puristi e richiedo una licenza per utilizzare un concetto che viene utilizzato socialmente, anche se non è ancora legale.

Tornando alla domanda: che cos’è il sincericidio?

Mi permetterò di sviluppare una definizione totalmente personale. Per me, il sincericidio è quell’atteggiamento con cui esprimendo un’opinione, una valutazione o un giudizio basato sulla nostra mappa mentale personale e non trasferibile, ci nascondiamo nella libertà di espressione per pronunciare la nostra verità assoluta che il resto del mondo deve rispettare, sì o sì. Il resto del mondo! Stiamo parlando di sette miliardi di anime, con la loro luce e il loro buio.

Se la pensassimo tutti così, ci sarebbero miliardi di verità assolute.

Tempo fa, molto tempo fa, più di quanto vorrei, ricordo che al 5 ° scientifico (sì, ho anche fatto lo sceintifico) un compagno di classe mi ha chiamato il difensore dei deboli. Sono stato un delegato di classe in diverse occasioni e ho preso di mira atteggiamenti personali che ho considerato ingiusti, dentro e fuori l’aula, dentro e fuori la mia famiglia e dentro e fuori la mia cerchia di amici. Mi è valso diversi nomi, più o meno affettuosi, poiché il difensore dei deboli era il più gentile, del resto preferisco non ricordare. Comunque, in seguito mi laureai in giurisprudenza, feci la pratica forense, divenni procuratore e poi Avvocato, superando l’esame di stato, a pieni poteri.

Il fatto è che ero un pro-sincericida. Facendo appello ai diritti umani, giusto e sbagliato, giusto e ingiusto, ho espresso la mia verità in modo esaustivo, senza mezzi termini, in modo che tutti la ascoltassero (e obbedissero, ovviamente). Esternamente è stato interpretato come se fossi una persona arida, testarda, spigolosa, combattente o coraggiosa, a seconda di quale parte cadesse il sincericidio. All’interno, avevo la convinzione assoluta che la merda doveva essere rimossa per pagare la verità che sarebbe cresciuta grazie alla mia saggezza e al mio giudizio. (Parlo in passato, anche se la capra si lancia nella boscaglia, e noto che scrivendo questo articolo evoco episodi recenti in cui mantengo quell’atteggiamento).

Così, ho affrontato la mia vita difendendo l’uguaglianza e la divisione dei compiti tra uomini e donne; ritenevo che l’intera società fosse ipocrita. Ho lavorato duramente per fare un buco nella giungla di ipocrisia e bugie. Ero certo che tutti i capi fossero ipocriti e avevo l’obbligo di far loro sapere che la loro gestione era terribile, soprattutto perché consideravo che non ero riconosciuto in tutta la mia pienezza.

Tutto ciò mi porta a farmi una domanda a voce alta:

Perché esercitiamo il sincericidio?

Dietro ogni azione c’è la ricerca di un beneficio, coperto o scoperto. Sarebbe bello se ci chiedessimo qual è il beneficio diretto del nostro atteggiamento esplicitamente kamikaze quando si tratta di sputare “una verità come un tempio”, sapendo che stiamo rompendo le basi delle relazioni che abbiamo costruito. Perché in fondo lo sappiamo.

Fondamentalmente, il sincericidio sorge dopo un “questo è intollerabile”, “Non me lo sarei mai aspettato da te”, “Sono stufo di …”, o un “Non ce la faccio più”, e il più rischioso di tutti: “è l’ultima volta … ”(fai attenzione a ciò che desideri, perché diventa realtà).

E ciò che viene dietro tutto ciò che non può essere una buona cosa: “con quello che ho fatto per te”, “perché sei …”, “perché non lo fai mai …”. È allora che mostriamo uno spreco di vera sincerità, apparentemente spontanea, anche se è stato tempo di fermentazione nelle nostre viscere in attesa del momento ideale per vomitarlo, ciò che attribuiamo, la causa del nostro disagio.

Questi, secondo me, sono alcuni dei motivi del sincericidio: scarico rabbia accumulata, rilascio di rabbia repressa, incolpare l’altro per sofferenza interna, rivendicare il nostro posto e, sebbene sia paradossale, richiesta di attenzione e amore.

In ogni caso, il motivo è reale, perché è così che il nostro sinceride lo vive, lo sente e lo pensa, sebbene l’esecuzione possa essere migliorata.

Un sinceride è una persona, uomo, donna, di qualsiasi età, che sente che il mondo (può essere la madre, il padre, la coppia, un amico, il capo o l’autista di autobus), li tratta ingiustamente, si sente sottomesso o che non è sufficientemente riconosciuto. 

Di solito sono persone con regole interne rigide o casuali. Non importa, sono le loro regole che sono valide e possono cambiare in qualsiasi momento. Il sincericida presume di essere la verità assoluta. È certo che ciò che dice, ciò che fa e ciò che sente è la cosa giusta, la verità e l’unico modo possibile di vivere qualsiasi situazione.

In breve, il sincericidio è quella persona che è posseduta dalla Verità e da una saggezza superiore che gli conferisce il diritto di condannare con ogni frase e con ogni azione.

Esistono due tipi fondamentali di kamikaze della verità: il sincericidio nato o attivo e il giustificato o passivo.

Il sincericidio nato o attivo è colui la cui parola è legge, norma o decreto. Parte di se stesso come fonte di tutta la verità. Esercita un proselitismo attivo, della sua sincerologia. Il mondo è con lui o contro di lui. Tutto il resto è un ostacolo o rumore.

È difficile negoziare con questo tipo di persone perché nella loro mappa mentale non è possibile scegliere una seconda opinione.
Il sincericidio giustificato è l’ottenuto obbediente in attesa di una ricompensa che non arriva mai. Di solito sono persone contenute o represse che confondono il fatto di essere bravi nel rispetto delle leggi, delle norme o dei decreti che altri impongono, negando i propri bisogni, in cerca di approvazione e riconoscimento. Quindi fino a quando una voce interiore non dice loro: abbastanza è abbastanza! Quindi tira fuori l’ariete maltrattato e tutta l’artiglieria pesante per abbattere il muro dell’ingiustizia per amore della verità e per protestare contro il lavoro svolto da una promessa non mantenuta.

Il danno causato dal sincericide può essere paragonato a quello di un uragano di forza 5. Il sincericide inizia a formulare gli argomenti nella sua testa, milioni di neuroni ruotano attorno alla stessa idea generando una forza centripeta che a un certo punto “X” scende e tocca le viscere. Da quel momento, la svolta gira dall’interno verso l’esterno e il pensiero diventa istinto. La verità del sincericidio si manifesta carica di rabbia, rabbia, risentimento, orgoglio, orgoglio, vanità, avarizia e tutti i peccati, capitali o no, che gli vengono in mente. Devasta il suo cammino con tutto ciò che trova. La riparazione del danno è costosa e costosa. La cornice della relazione è stata segnata per sempre. Una volta sventrato, il sincericidio è vuoto dentro e disorientato e l’oggetto della sua rabbia, rotto, dentro e fuori.

Nel mio sviluppo personale ho imparato che il sincericidio è forse uno degli atteggiamenti più difficili da trasformare. Devi riparare un ego profondamente danneggiato per capire che la verità è personale e non trasferibile. Che ci sono verità immobili e altre più flessibili. Che la verità può essere condivisa, anche se non può essere imposta e che la mia verità può essere dannosa per la salute.

Quello che posso dire è vero che assertività, empatia e compassione aiutano a comprendere le diverse verità e punti di vista degli altri. Che io possa capire, ma non condividere. E come diceva Aristotele: “La verità totale non è mai raggiunta, né si è mai completamente rimossi da essa”.

Sì, questo è sincericidio.

img_2326

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...